Pro e-volution Safety & Quality di Francesco Pasquariello

  • linkedin
  • facebook
  • youtube
  • twitter
Home » News » VALUTAZIONE DEI RISCHI
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

VALUTAZIONE DEI RISCHI

Le procedure standardizzate

STARTUP PMI, APPUNTI DI SICUREZZA SUL LAVORO

Tutte le aziende che occupano fino a 10 lavoratori sono obbligate a redigere la valutazione dei rischi ed elaborare il relativo documento, Dvr, secondo le Procedure standardizzate*, approvate con il Decreto interministeriale del 30 novembre 2012.

Il decreto:

•ha avuto lo scopo di "indicare il modello di riferimento sulla base del quale effettuare la valutazione dei rischi e il suo aggiornamento, al fine di individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione ed elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza";

•tiene conto dei principi, che sull'argomento, sono espressi dal TU 81/08: a) obbligatorietà dell'eliminazione/riduzione dei rischi; b) valutazione di tutti i rischi; c) adozione di misure aziendali di protezione collettiva piuttosto che di protezione individuale; d) attivazione della sorveglianza sanitaria; e) effettuazione della informazione/formazione/addestramento dei lavoratori.

Ancora il decreto, ha fatto proprio il documento approvato in proposito dalla Commissione consultiva permanente del 16 maggio 2012 e lo Schema di decreto approvato dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 25 ottobre 2012.

È entrato in vigore il 7 febbraio 2013 (sessantesimo giorno successivo alla pubblicazione sulla GU) ed è previsto che entro il 7 febbraio 2015 (24 mesi dalla pubblicazione sulla GU), la Commissione consultiva permanente rielabori le procedure standardizzate "anche previa individuazione dei settori a basso rischio infortunistico".**

Le procedure standardizzate non possono essere utilizzate da:

•aziende che occupano più di 50 lavoratori;

•aziende che occupano fino a 50 lavoratori e le cui attività riguardano: a) attività a rischio rilevante (DLgs. 334/1999); b) attività di centrali termoelettriche; c) attività di impianti ed installazioni nucleari; d) attività di fabbricazione e deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni; e) attività in cui i lavoratori sono esposti a rischi chimici, biologici, da atmosfere esplosive, cancerogeni mutageni, connessi all'esposizione ad amianto.

Sono queste le fasi della valutazione aziendale dei rischi previste: descrizione dell'azienda, del ciclo lavorativo e delle mansioni; identificazione dei pericoli presenti in azienda; valutazione dei rischi associati ai pericoli identificati e individuazione delle misure di prevenzione e protezione attuate;definizione del programma di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza.

* Art.29, c. 5, del TU 81/08 " … i datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori effettuano la valutazione dei rischi … sulla base delle procedure standardizzate (art. 6, c.8, lett. f). Fino alla scadenza del terzo mese successivo alla data di entrata in vigore del decreto interministeriale … e, comunque, non oltre il 30 giugno 2013, gli stessi datori di lavoro possono autocertificare l'effettuazione della valutazione dei rischi.

** Va ricordato che nella fase di prima applicazione del Decreto, con la modifica dell'art. 29 del TU 81/08 operata dalla Legge di stabilità (L.228/2012), si era previsto che i datori di lavoro che occupassero fino a 10 lavoratori, potessero autocertificare l'avvenuta valutazione dei rischi fino… e non oltre il 30 giugno 2013. Il Ministero del lavoro, con nota n. 32/2583 del 31 gennaio 2013 aveva precisato come il termine ultimo di validità della autocertificazione dei rischi fosse il 31 maggio 2013.

Fonte: quotidianosicurezza.it

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo